Le modifiche che abbiamo fatto al nostro camper

Quali sono le modifiche che abbiamo fatto al nostro camper? 

Ve ne abbiamo parlato negli ultimi video Youtube e nelle storie su Instagram: le modifiche fatte al nostro vangolden sono state parecchie, e ci hanno tenuti occupati per mesi. D’altronde preparare un mezzo come il nostro al giro del mondo non è un’impresa facile – sarete d’accordo con noi – per cui ci siamo concessi tutto il tempo per studiare, informarci e prepararci, appunto, come si deve. 

Ho strutturato questo articolo in tre parti: la prima è dedicata alle modifiche meccaniche, la seconda all’impianto elettrico e la terza agli interni, rigorosamente rinnovati da noi!

La nostra prima foto con vangolden, pochi minuti dopo averlo acquistato! Siracusa, 15 Gennaio 2020.

Modifiche meccaniche 

Innanzi tutto – è bene ricordarlo – il nostro mezzo è un Iveco Daily turbo diesel 35-12. Lo abbiamo scelto principalmente per il suo motore che, al pari di un camion, macina in media un milione di km (insomma ci sono buone probabilità che non ci abbandoni in qualche strada sperduta dall’altra parte del mondo). 

Tuttavia, avendo quasi trent’anni, ci siamo ritrovati fra le mani un mezzo potenzialmente instabile: okay, non sarà il motore, ma magari si sfascia qualcos’altro – abbiamo pensato – per cui meglio correre ai ripari. Per questo abbiamo deciso di far sostituire dal nostro meccanico di fiducia tutti i pezzi più delicati e soggetti a usura che dopo trent’anni avrebbero sicuramente causato dei problemi, e i pezzi che presentavano delle anomalie.

I pezzi in questione sono: 

  • manicotti
  • fascette metalliche
  • pompa freno
  • radiatore dell’acqua 
  • radiatore acqua riscaldamento interno
  • distribuzione completa 
  • pompa acqua 
  • cinghie ausiliarie 
  • termostato acqua 
  • sensori temperatura
  • supporto trasmissione 
  • tagliando completo 
  • batteria servizi 
  • freni posteriori e freni anteriori 
  • soffioni posteriori 
  • staccabatterie 
  • alternatore maggiorato da 60 a 90 ah
  • compressore aria condizionata 
  • batteria dei servizi 
  • compressore

Modifiche impianto elettrico 

Per quanto riguarda l’impianto elettrico, abbiamo investito davvero tante energie – e tanti soldi – per rendere il nostro camper autonomo al 100%. Durante il nostro giro del mondo faremo quasi sempre libera: ci serviva un camper funzionale e pratico, che non necessitasse di supporto esterno (come le colonnine dei campeggi). Ecco come si presenta oggi l’impianto elettrico di vangolden:

-pannello fotovoltaico SunPower max monocristallino da 400 w

-regolatore mppt victron energy 

-inverter onda pura victron energy phoenix 

-batteria sirio 200ah AGM

-battery monitor victron energy 

-riscaldamento a gasolio webasto 

NB: Possiamo dire di trovarci abbastanza bene così, ma in molti ci hanno suggerito di sostituire le batterie AGM con batterie a litio perchè molto più potenti: la partenza per il giro d’Italia è imminente, per cui si tratta di una modifica impossibile da apportare adesso. Nel caso in cui dovessimo renderci conto di avere bisogno di più energia, valuteremo di sostituire la batteria prima di arrivare in Europa: vi terremo aggiornati! 

Modifiche interni

Sugli interni del nostro van ci siamo davvero sbizzarriti. Con l’aiuto di un nostro caro amico e del papà di Michele, abbiamo rimosso la dinette che c’era in origine e, al posto di uno dei due divanetti, abbiamo montato un frigorifero nuovo (che, nota bene, NON è da camper, ma da casa: un minifrigo da bar, per intederci, che però è davvero molto capiente)! 

Dove c’era il vecchio frigorifero, invece, abbiamo creato un cassetto a due ripiani molto spazioso dove mettiamo il pentolame (poche cose ma essenziali) e il cibo: pasta, passata di pomodoro, insomma, cibo italiano da veri italiani! (intanto che rimaniamo in Italia ne approfittiamo, ovviamente). 

Abbiamo poi sostituito il piano cottura. Qui è stato un po’ più difficile: abbiamo smontato il piano cottura vecchio e la superficie di legno su cui poggiava, quindi ne abbiamo realizzata un’altra (o meglio, il falegname l’ha realizzata, con un pannello in legno acquistato da Leroy Merlin) e infine ci abbiamo montato sopra il nuovo piano da lavoro monoblocco. 

Passando alle modifiche puramente estetiche, come da foto abbiamo rivestito sia il pavimento (con lastre di legno in PVC) sia le superfici dei mobili con della pellicola adesiva. Sarò sincera: è stato un vero LAVORACCIO e il risultato è ricco di imperfezioni (basta avvicinarsi un po’ per notare tante grinze, soprattutto ai bordi dei mobili)! Ma più di così non sapevamo fare e, in fondo, va bene lo stesso: è la nostra creatura e ci piace così com’è, imperfezioni incluse. 

Conclusioni

Rinnovare e accessoriare un camper non è cosa da poco e, secondo la nostra esperienza, a meno che non si posseggano le competenze necessarie per fare tutto da soli, rivolgersi a esperti del settore non è assolutamente un male, anzi! Ammiriamo davvero chi camperizza il proprio van da solo, ma noi abbiamo preferito rivolgerci a chi lo fa per mestiere (mi riferisco ovviamente all’impianto elettrico). Per quanto riguarda gli interni del van, invece, ribadisco che sono stati rinnovati da noi, ma senza il prezioso aiuto dei nostri amici non penso che avremmo raggiunto questo risultato! 

PS: Non lasciarti scoraggiare dalla paura di fare un pasticcio o di non farcela, buttati e fai tutte le modifiche che vuoi e, dove non arrivi, non avere paura di chiedere aiuto! 

Se ci siamo riusciti noi, puoi riuscirci anche tu! 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Solve : *
25 − 15 =