Come ottenere il passaporto per viaggiare con il tuo cane in 3 step

E’ tutto pronto per partire: le valigie, l’itinerario, il tuo portafogli (no dai, quello non è mai pronto), manca solo una cosa. Il tuo compagno di viaggio non ha il passaporto. Cavoli! E adesso?

Don’t panic.

Ci sono passata anch’io ed è per questo che ti ho preparato una guida breve ma completa per spiegarti come ottenere il passaporto per viaggiare con il tuo cane in 3 step (o gatto o furetto, o tutti e tre, vedi un po’ tu) in Europa e all’estero (anche se qui, come spiegherò alla fine, ci sono un po’ di variazioni).

Come ottenere il passaporto per viaggiare con il tuo cane: microchip e iscrizione all’anagrafe canina.

La legge italiana VIETA di possedere (odio questo verbo, ma è così) un animale domestico che non abbia il microchip e che quindi non sia iscritto all’anagrafe canina. Personalmente, oltre a una questione di sicurezza dell’animale in caso di smarrimento, credo che sia un atto di responsabilità doveroso. Nel momento in cui si mette il microchip al proprio animale, si sceglie liberamente di prendersene cura come di un figlio. Si può dire con orgoglio “è mio/a, è parte della mia famiglia”. Una rivendicazione bellissima, a parer mio.

Quindi per prima cosa assicurati che abbia il microchip e il relativo documento che ne attesta la validità.

Come ottenere il passaporto per viaggiare con il tuo cane: vaccino antirabbica e titolazione anticorpale.

Per ottenere il passaporto, è fondamentale vaccinare il tuo amico di viaggio contro la rabbia. Pensa che senza questo vaccino, il passaporto stesso non avrebbe motivo di esistere. Quindi la prima cosa da fare è contattare il tuo veterinario di fiducia e concordare un appuntamento per effettuare il vaccino.

Il vaccino antirabbica ha validità 3 anni e consiste in due somministrazioni a distanza di 21 giorni l’una dall’altra. Trascorsi i 3 anni, sarà necessario effettuare la titolazione anticorpale. Si tratta di un esame che attesta la presenza di anticorpi nel sangue contro la rabbia: se gli anticorpi risultano insufficienti, sarà necessario effettuare un’altra dose del vaccino prima di introdurre l’animale fuori dall’Italia.

NB: Alcuni Paesi extraeuropei come la Cina effettuano SEMPRE la titolazione anticorpale sugli animali che chiedono di passare la frontiera, anche se regolarmente vaccinati contro la rabbia. In altre parole: questo vaccino è fondamentale, sì, ma spesso da solo non basta.

Come ottenere il passaporto per viaggiare con il tuo cane: prendere appuntamento con la ASL canina piu vicina a te.

Sì, lo so: le ASL sono un disastro! Pessima organizzazione, lunghissimi tempi d’attesa e personale poco disponibile! Ma la buona notizia è che, una volta preso appuntamento, in poche ore avrai finalmente il tuo passaporto!

All’appuntamento dovrai portare con te tutto ciò che ti ho indicato: l’attestato del microchip, il libretto sanitario o la certificazione di avvenuto vaccino antirabbica e la ricevuta di pagamento per il rilascio del passaporto (io ho pagato €19,00 ma penso che valga per tutta Italia).

Dove posso viaggiare col passaporto?

Difficile rispondere a questa domanda. Anzi, direi impossibile.

Ogni Paese ha le sue regole (spesso misteriose) quindi mi limiterò a dirti ciò che hanno detto a me: informati volta per volta. A settembre partiremo per fare il giro del mondo : per l’Europa nessun problema (basterà il passaporto), fuori Europa invece ci siamo “rassegnati” all’idea che contatteremo le singole ambasciate italiane per chiedere le informazioni necessarie.

Chissà, magari prossimamente scriverò un altro articolo sulle ambasciate italiane (canine) in giro per il mondo! In ogni caso, spero che questo articolo ti sia stato utile e ti auguro di viaggiare in pace in lungo e in largo (almeno per l’Europa).

E tu hai qualche consiglio da darmi? Scrivimi nei commenti qui sotto!

PSS: DAI UN’OCCHIATA AL NOSTRO SHOP AMAZON !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
3 × 11 =